ACCENDI UN CERO … per NATALE

Vogliamo proporre a tutta l’Unità Pastorale di riprendere il gesto compiuto dal Papa, accendendo un cero in casa oppure mettendolo alla finestra, in occasione della notte e del giorno di Natale, al fine di sensibilizzare la nostra comunità cristiana e civile nei confronti di un conflitto che ha già messo a dura prova tutta la comunità umana della Siria. E’ vero, non è un gesto che risolve laquestione così complessa e intricata di un conflitto che non ha mai fine, ma è un richiamo, untenere sveglia l’attenzione, una manifestazione di solidarietà e vicinanza soprattutto attraverso lapreghiera. A tutti i partecipanti alla S. Messa di mezzanotte e del giorno di Natale verrà verranno messi a disposizione dei ceri per l’occasione. Lo si porti a casa, acceso, come espressione di continuità nella preghiera.

Don Carlo, don Alberto, don Andrea e Don Maurizio in collaborazione con il Centro Missionario Diocesano

PS: chi lo desidera può addirittura ricevere e portare nelle proprie chiese la luce della pace, chegiunge direttamente dalla Grotta di Betlemme e che arriverà in Casa dell’Accoglienza domenica 16 dicembre alle ore 16.30 e “distribuita” dal MASCI (Movimento Adulti Scout Cattolici Italiani).

Facendo ancora riferimento alle parole di Papa Francesco: “Maria, donna dell’attesa e della preghiera, ci aiuti a rafforzare la nostra speranza nelle promesse del suo Figlio Gesù, per farci sperimentare che, attraverso il travaglio della storia, Dio resta fedele e si serve anche deglierrori umani per manifestare la sua misericordia”.

“Preghiamo e aiutiamo i cristiani a rimanere in Siria e in Medio Oriente come testimoni di misericordia, di perdono e di riconciliazione. La fiamma della speranza raggiunga anche tutti coloro che subiscono in questi giorni conflitti e tensioni in diverse altre parti del mondo, vicine e lontane. La preghiera della Chiesa li aiuti a sentire la prossimità del Dio fedele e tocchi ogni coscienza per un impegno sincero a favore della pace”. Sono le parole di Papa Francesco durante l’Angelus della prima domenica di Avvento 2018.

La preghiera della Chiesa li aiuti a sentire la prossimità del Dio fedele e tocchi ogni coscienza per un impegno sincero a favore della pace”. Sono le parole di Papa Francesco durante l’Angelus della prima domenica di Avvento 2018.

Annunci